QR Code cos’è e come funziona



Qr Code

Generatore Qr Code

Digita il testo che desideri convertire in Qr Code

Traduzione: Lenus Media is awesome
Download: Qr Code per web
Qr Code per stampa

QR Code cos’è e come funziona

Vi spieghiamo brevemente il Qr Code cos’è e come funziona, quali sono le sue applicazioni e come può essere utile per i vostri progetti. Si tratta di una tecnologia sviluppata nel 1994 e diffusa negli ultimi anni grazie agli smartphone. Il codice QR, abbreviazione di Quick Response Code (codice a risposta veloce) è una matrice bidimensionale, o codice 2D, composto da una serie di moduli neri disposti all’interno di uno schema a forma quadrata, che viene impiegato per memorizzare informazioni destinate alla lettura di sispositivi elettronici, precisamente cellulari e smartphone.

QR Code: dalla nascita al suo sviluppo recente

Il QR Code fa la sua prima comparsa nel 1994 grazie ad una tecnologia sviluppata dalla compagnia Giapponese Denso Wave, realizzata per il tracciamento dei pezzi delle automobili Toyota. Il suo potenziale di contenuto si mostra da subito superiore a quello del codice a barre, tanto da venire applicato per la gestione delle scorte di diverse industrie.

Nel 1999 la società giapponese rilascia i codici sotto licenza open il che ne favorisce una forte diffusione, che si accompagna allo sviluppo i-mode per cellulari.

Nella seconda metà degli anni 2000 si diffonde l’utilizzo dei Qr Code nelle pubblicità stampate su giornali, manifesti, riviste e volantini allo scopo di veicolare indirizzi web e URL specifiche.

In Europa e negli Stati Uniti la diffusione dei codici QR è stata lenta, ma dalla fine degli anni 2000, favorita anche dallo sviluppo del mercato degli smartphone, la tecnologia ha acquistato maggiore notorietà, anche in Italia.

QR Code: come si crea e come si legge

Dopo avervi offerto un po’ di cenni storici del Quick Response Code, cerchiamo di capire come funziona, come si crea e come si legge.

Come creare un QR Code

La realizzazione di questi codici bidimensionali è semplice e alla portata di tutti, basta trovare un programma adatto (sul web, sul pc, o per smartphone) e generare il QR code con l’url del vostro sito web, della vostra fan page, con il vostro numero di cellulare, la mail e tanto altro ancora.

Leggere il codice Qr

Per poter leggere un QR Code è necessario possedere un telefono o uno smartphone in grado di riconoscere la matrice di cui è composto e rimandare all’utente le informazioni.

Qr Code della fanpage Facebook dell'agenzia digitale Lenus Media

 

Se il vostro dispositivo non è dotato di un lettore QR Code di sistema, è possibile leggerli grazie alla fotocamera del vostro smartphone servendosi di un’applicazione scaricabile dal Play Store o dall’App Store. Provate a leggere il codice QR e lasciate pure un like alla nostra fanpage 😉

QR Code: un ponte tra l’offline e l’online

Abbiamo visto il Qr code cos’è e come funziona, come si presti ai più svariati utilizzi e possa veicolare informazioni di ogni tipo, ma in cosa si realizza la sua innovazione? Come possono incrementare la pubblicità di un’azienda?

I nuovi processi comunicativi che hanno origine dalla matrice bidimensionale di cui è composto il QR Code è la creazione di collegamenti ipertestuali tra il mondo reale e quello online, una sorta di ponte che collega le due realtà.

Qr code cos'è e come funziona: nell'immagine una mano stringe un dispositivo mobile inquadrando un cartellone pubblicitario che utilizza un Qr Code

La navigazione Internet avviene, in media, per il 90% da dispositivi mobile (font: Google Analytics, 2019). L’utilizzo della tecnologia Qr Code consente di creare un ponte mezzi di comunicazione “classici” come affissioni, jumbo screen) a “new media” mediante una semplice scansione dal proprio smartphone.

Gli utenti viaggiano normalmente in rete servendosi di collegamenti ipertestuali (link) per passare da una pagina all’altra e ampliare, potenzialmente all’infinito la loro esperienza sul web, creando una sorta di dialogo con le informazioni, un’interazione che è diventata sempre più diffusa e di uso comune, tanto da rendere quasi incomprensibile l’impossibilità di farlo con gli altri mezzi di comunicazione.

Ed è questo il meccanismo fondante che sta alla base del successo del QR Code la possibilità di offrire non solo un contenuto ad un target/consumatore ma di metterlo in condizione di fruirne attivamente, contestualizzarlo e dialogare con esso in maniera diretta, è ciò che caratterizza il consumer dell’era digitale.

Il limite della loro applicazione è solo nella mente di chi progetta campagne di marketing, infatti si passa dall’accesso ad informazioni utili (ingredienti di un prodotto alimentare, sito web di corrispondenza, mappe, segnaletiche etc), a pubblicità, promozioni, coupon e tanto altro.

Suggerimenti per la creazione di un QR Code

Utilizzare un QR Code nella propria strategia di marketing è una scelta intelligente soprattutto se si desidera monitorare il rendimento di campagne offline oppure generare coinvolgimento dei nostri clienti (esistenti e potenziali). Di seguito riportiamo alcuni consigli utili tratti dall’esperienza di decine di campagna realizzare adottando questa tecnologia:

  • Utilizza un indirizzo web come destinazione Se stai applicando il codice QR Code sulla confezione del tuo prodotto per visualizzare immagini o video o informazioni aggiuntive assicurati che chi si effettuerà la scansione del tuo codice venga reindirizzato su una pagina web che puoi monitorare con un sistema di monitoraggio.
  • Evita di usare pagine “statiche” come destinazione Molto spesso ci siamo ritrovati nel caso in cui la destinazione di un QR Code fosse un dominio che il cliente ha lasciato scadere o che era stato acquistato da altri competitor. Per prevenire questo tragico scenario di lavoro ti consigliamo di utilizzare sempre una destinazione su cui hai la certezza sarà sempre possibile operare. Al giorno d’oggi con le moderne tecniche di reindirizzamento è pressocché sempre possibile cambiare un indirizzo web “statico” (ad esempio pagine .html, .php, .Aspx) inoltrando l’utente verso altre pagine o siti web di tua proprietà, ovviamente nella strategia perfetta l’utente atterrerà direttamente sulla pagina ottimizzata per il suo dispositivo smartphone senza ulteriori reindirizzamenti.
  • Non reindirizzare alla tua homepage La persona che sta scansionando il tuo QR Code sta effettuando un notevole sforzo emotivo per raggiungere i contenuti che gl istai proponendo: ha preso il suo smartphone, attivato la fotocamera, scansioanto il codice sul tuo prodotto o locandina… a questo punto dovrà trovare tutte le informazioni contestuali alla sua attuale intenzionae di ricerca. Reindirizzare l’utente su una generica pagina informativa che non risponda a domande specifiche è una strategia fallimentare e generera molte meno azioni rispetto quelle che potremmo avere indirizzando il nostro cliente verso una pagina specifica e contestualizzata.

Esempio di utilizzo di Qr Code

Lenus Media realizza strategie di web marketing utilizzando soluzioni che offrano i migliori risultati in termini di misurabilità, automazione e ritorno dell’investimento.

Vi citiamo il caso di studio del nostro cliente Pegasus Srl, società che si occupa di produzione e distribuzione costumi ed accessori in Italia ed Europa per cui abbiamo realizzato una interessante strategia basata su Qr Code.

Briefing

Il cliente realizza ogni anno un catalogo cartaceo come strumento per la rete vendita presso i clienti all’ingrosso (clienti all’ingrosso = poco tempo a disposizione, varietà e quantità di ordini molto elevata). All’interno del catalogo sono presenti foto, codici e taglie dei costumi e il rappresentante può raccogliere le preferenze del cliente finale segnando i singoli prodotti di interesse per poi inoltrare l’ordine tramite l’ecommerce aziendale. Pegasus SRL ha richiesto un sistema più rapido ed efficace per rcevere gli ordini da parte dei propri clienti e uno strumento innovativo per poter automatizzare il processo di selezione e vendita.

Strategia di web marketing

  • Abbiamo sviluppato un’applicazione mobile disponibile per dispositivi iOs ed Android che ha al proprio interno un lettore Qr Code (e codici a barre) integrato.
  • Abbiamo registrato un dominio ad hoc per creare degli indirizzi univoci e brevi (shortern URL) per promuovere il cliente selezionando il nome a dominio https://pega.su
  • Per ogni prodotto del catalogo è stato generato un Qr Code unico (attraverso il nostro software gestionale personalizzato Lenus Lab Suite)

Come abbiamo impiegato i Qr Code?

I Qr code sono stati impiegati all’interno del catalogo annuale e stampati su tutti i packaging del cliente. Si è pensato ad un utilizzo da parte dei consumatori finali che, vedendo il Qr code stampato sullo scatolo e sulle confezioni di costumi ed accessori possono accedere alla scheda prodotto dell’ecommerce carnevalepegasus.com per rintracciare fotografie, schede tecniche e consigli per la scelta della taglia e della vestibilità dei prodotti (Il Qr code è ovviamente utilizzabile anche senza l’applicazione mobile del cliente e con un comune lettore Qr Code).

Si è pensato poi all’utilizzo del Qr Code per i rivenditori e grossisti che, catalogo alla mano, possono sfogliare le pagine e ordinare tramite l’applicazione semplicemente inquadrando i prodotti di proprio interesse. Si tratta di un utilizzo funzionale dei Qr Code che hanno una loro valenza “offline” creando un effettivo collegamento con le procedure digitali

L’app si è poi dimostrata utilissima anche per i rivednitori che, in sede presso la Pegasus Srl, possono utilizzare l’app mobile come un lettore di codici a barre “sparando” i singoli prodotti di proprio interesse e scegliendo le quantità desiderate tramite l’ecommerce aziendale. L’ordine così generato viene automaticamente inviato al magazzino che può procedere direttamente con l’emissione dei documenti di consegna controllando solo il quantitativo ordinato.

Infine, l’aspetto di gamification che si innesca nell’utilizzare l’app della Pegasus Srl ha incentivato non solo la quantità degli ordini ma anche la loro varietà: attraverso la procedura di “point-to-buy” i clienti hanno potuto ampliare la propria selezione di articoli selezionado, oltre ai singoli costumi anche degli accessori correlati.